La Valle Incantata Dei Ricordi

Nella valle incantata dei ricordi della mia mente, un ricordo si differenziava da tutti gli altri. Erano tutti situati come alberi spogli, vittime di un inverno infernale. Soltanto uno sbocciava i frutti primaverili pieni di nuova vita.
In fondo, sappiamo che dai frutti nascono nuovi alberi ed in tal caso altri ricordi di questo genere.
Era un ricordo bellissimo, l'unico che migliorava il mio stato d'animo; l'unico che mi salvava dalla tristezza depressiva di tutti gli altri ricordi. Era il ricordo che avevo dell'unica persona che io abbia mai amato.
Un sole splendente illuminava quei frutti di nuova vita, in mezzo alla tempesta di tutti gli altri ricordi. Era come se la sua energia positiva risaltasse su ogni altra energia negativa.
Mi sentivo al settimo cielo, come se al posto di nuotare in un oceano infinito, nuotassi nel cielo vasto e sereno.
La mia vita aveva raggiunto la sua vera direzione. 
Ma un giorno, tra il risalto dei miei sorrisi, la colonna portante di quel ricordo si ammalò. L'albero perse pian piano la sua energia ed i nuovi frutti vennero a mancare uno ad uno.
Entrai in una sorta di incosciente depressione, non riuscivo a capire tutto quello che stava accadendo. Traumatizzato, annaffiai con amore,  quell'albero più di quanto lo avessi fatto prima. Ma niente, non ci fu più un segno di reazione benefica. Le sue radici cessarono di trasportare il nettare che lo avrebbe mantenuto in vita. Così, spegnendosi come la fiamma di una candela, oltrepassò il confine della vita.
Quel ricordo che nel mio cuore da sempre si differenziava dagli altri, adesso era spento e temporalesco come tutti gli altri. Non avevo più la forza di andare avanti, quella forza che mi trasmetteva soltanto quel ricordo. La mia vita non riuscì più a trovare il suo significato.
Nel pieno della mia collera presi una corda e formai un cappio. Tra strazianti lacrime di una vita dannata, oltrepassai i confini della vita per andare a cercare quel ricordo che mi salvò dalla morte.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'Infinito Scalinato

Groviglio Di Emozioni